La Micro Extravaganza

Eccentricità e humor nel mondo delle micronazioni


Il principe sgargiante Beau Freï Balthazar Séraphine du Lorenzburg

Ci vuole tutto per creare un mondo. Questo si trova anche nell'universo delle micronazioni che è un enorme spazio dedicato all'immaginazione. Creare un Paese è già di per sé un atto di creatività in cui i micronazionalisti molto spesso immaginano la società in cui vorrebbero vivere.


Ma questa abbondanza artistica che può essere vista nel mondo micronazionale è anche testimone del desiderio di distinguersi, di sedurre un pubblico e, cosa più importante per alcuni: attirare l'attenzione dei media. Devi capire che tutta questa creazione ha senso solo se viene esposta. Perché essere smascherati e di cui si parla è semplicemente una forma di riconoscimento necessaria per esistere.


Dire che tutte le micronazioni usano la fantasia sarebbe una bugia. Se prendiamo il caso di Seborga, siamo piuttosto su una rivendicazione di identità.



L' Imperatore Franck della Basse-Chesnaie

Altre micronazioni crescono per ragioni ecologiche, sociali, talvolta religiose o secondo le passioni storiche dei loro fondatori. Potremmo prendere qui l'esempio dell'imperatore Franck della Basse-Chesnaie, un fan di Napoleone, o dell'imperatore Oscar di Karnia-Rutenia, che si ispirò all'impero austro-ungarico.


Ma in questo articolo ci concentreremo su questo movimento "microstravagante" che combina eccentricità, ottimismo e umorismo per offrire una dolce follia in un mondo colpito da notizie che provocano ansia sui nostri televisori.




I dittatori dei deserti


Tra i pionieri che seducono con il loro cambio eccentrico, possiamo facilmente parlare del presidente Kevin Baugh della Molossia (Nevada). Una figura emblematica del micronazionalismo che accoglie i turisti nel suo Paese vestito con una divisa dandogli l'aspetto di un dittatore mediorientale. Questa presa in giro del potere lo ha reso una vera star della micronazionale e il micronazionalista più pubblicizzato d'America. Il suo concetto di dittatore in un paese desertico ispira ancora altri micronazionalisti come Travis McKendry con il suo Calsahara (California), poi recentemente apparso sultano Randy Williams di Slowjamastan (California).

Da sinistra a destra, Kevin Baugh, Travis McKendry and Randy Williams.

Il concetto del simpatico dittatore funziona bene in America. Dall'altra parte dell'Atlantico, i "micro stravaganti" preferiscono parodiare le monarchie. Il primo motivo è legato al passato storico del vecchio continente. In Europa, tutto ciò che ricorda da vicino o lontanamente persone come Franco, Mussolini, Hitler o Pétain rimane molto sensibile per una parte significativa dell'opinione pubblica.


Il secondo motivo è identico a quello dei dittatori dei deserti americani: il folklore attorno al personaggio. Bisogna riconoscere che si hanno più possibilità di suscitare interesse se si indossano bei nastri, gioielli e medaglie, anche se ciò significa assomigliare ad un albero di Natale.



SAS Principe Beau Freï of Lorenzburg

Per i "micro stravaganti", non è vestendo come Mao-Tse-Tung che porterai le telecamere a casa tua. Ma soprattutto è meno divertente e molto meno spettacolare per il tuo ego.


Si può essere "micro stravaganti" sia per l'abito, ma anche per l'instaurazione di rituali assurdi. Diversi casi ci hanno interessato per la stesura di questo articolo.


In termini di abbigliamento stravagante e artistico, il primo posto va senza contesto a Sua Altezza Serenissima, il Principe Beau Freï Balthazar Seraphine di Lorenzburg (Svezia). Il suo concetto di micronazione è principalmente l'accesso a un'espressione artistica. I suoi abiti stravaganti sono talvolta oggetto di scollatura tra microfoni stravaganti e altri più conservatori. Ma resta il fatto che tutti lo conoscono e che la sua popolarità nella sua patria è senza dubbio legata alla sua immagine.


Anche la principessa di Aigues-Mortes (Francia) è una personalità che non dimenticherete facilmente. Questa consorte atipica è probabilmente un ottimo esempio di micro stravaganza. Si è fatta un nome grazie al suo umorismo eccentrico e al suo cattivo gusto in diverse occasioni. Proprio come il principe Beau Freï, gode di un altissimo livello di simpatia tra i suoi concittadini.


La Principessa Olivia-Eugénie di Aigues-Mortes in posa sul poster del Gran bale di calice d'oro

Come accennato in precedenza, installare l'assurdità è anche una forma di "micro stravaganza" per attirare l'attenzione su di sé. In questa zona abbiamo scelto di raccontarvi Bruno Schlatter, il re di Noseland, la terra del naso. Ancora una monarchia, ma stavolta anarchica. Tra questi obiettivi fondamentali, questo buffo monarca svizzero ha la seria missione di creare con il naso un profumo globale.

Re Bruno in piena processione olfattiva

Re Bruno non veste ostentatamente, ma sa cimentarsi con queste dimostrazioni burlesche intorno al suo tema preferito: il naso. Niente di visivo ma qualcosa di divertente e totalmente bizzarro da raccontare. Il risultato è che funziona molto bene anche con le persone.


La microstravaganza è una parte inseparabile del micronazionalismo. Questa è una parte che contribuisce a renderla più user-friendly e sicuramente più accettata.


È soprattutto la prova che il micronazionalismo è uno spazio di libertà di espressione, di creazione dove ognuno non ha bisogno di trovare il proprio posto, ma può crearlo con tutto ciò che l'immaginazione può offrire.










12 vues0 commentaire

Posts récents

Voir tout