top of page

Syldavia o Sildavia ?

Syldavia, un paese immaginario creato dal famoso fumettista Hergé per il suo eroe Tintin, è diventato la storia di uno dei più grandi plagi micronazionali.

Tintin presentato davanti al re di Syldavia presso il palazzo reale di Klow.

Direttamente ispirato dalle notizie politiche del suo tempo, Hergé ha utilizzato questo paese immaginario nel suo fumetto intitolato "Le Sceptre d'Ottokar", dove Tintin gioca un ruolo politico cruciale. Hergé si ispira all'annessione dell'Austria alla Germania nel marzo 1938. La prima è la pacifica Syldavia e la seconda la totalitaria Borduria. Per la cultura di questi paesi si è ispirato ai Balcani e agli stati che un tempo formavano la Jugoslavia.


Fu durante "Lo scettro di re Ottokar" che Tintin intervenne direttamente negli affari di Syldavia. Scopre un complotto per rubare lo scettro per detronizzare il re e destabilizzare il paese. Dopo di che i Borduriani l'avrebbero invasa.


Tuttavia, questo fu solo l'inizio dell'influenza di Syldavia. Senza saperlo, il vignettista belga ispirerebbe diversi micronazionalisti nella creazione delle loro micronazioni.


Senza lo scettro di Ottokar, il re di Syldavia non può regnare. Ogni anno per la festa nazionale, il re deve mostrare lo Scettro al suo popolo.

In alto la bandiera della Sildavia, in basso la bandiera della Sildavia.

Per quanto possiamo andare indietro nei registri, un Regno di Syldavia è stato fondato da Aidan Clifford nel 2020 (nessuna data specifica registrata). È una micronazione situata in Quebec. Il suo attuale re è Vincent 1 dall'aprile 2021. Capitale: Klow-Sud. La bandiera nazionale e lo stemma sono un copia/incolla dal fumetto: Un pellicano nero affiancato da una bandiera a sfondo giallo.


Poi troviamo anche un Regno di Sildavia che è un paese costituente del Regno Unito di Sildavia e Borduria. Questo è stato creato nel marzo 2021 (prima come dominio Sildaviano e poi come regno nel marzo 2023). È governato dalla regina Maria, situata in Brasile. La capitale è Klöw senza il "sud". Anche la bandiera nazionale e lo stemma sono ispirati allo "Scettro di Ottokar" con 3 pellicani neri invece di uno solo, anch'essi affiancati da una bandiera a sfondo giallo.


Plinio Crivelli, Cancelliere dei Consoli Sildavi

Il "Syl" o "Sil" - davia di Hergé (a seconda della lingua che parli), trova anche una versione micronazionale in Europa con diversi "consolati sildavi" nel continente. Questi sono creati da appassionati di fumetti uniti in una fratellanza diplomatica. Questo gruppo di sostenitori è guidato dal Sig. Plinio Crivelli, uno svizzero residente nella Svizzera romanda.


Autoproclamato Primo Console della Syldavia, poi promulgato Cancelliere dei Consoli della Syldavia, Plinio Crivelli cerca fan di Tintin da tutto il mondo per unirsi a questo piccolo gruppo di diplomatici dove regna una "dolce follia", come ama dire. Per i suoi puristi dell'opera di Hergé, solo Muskar XII e i suoi discendenti sono riconosciuti come legittimi sul trono della suddetta Syldavia che considerano come l'unica e unica ovviamente.


La Confraternita dei Consoli Sildavi di Narbonne (Francia). In questo paese sono state create diverse confraternite.

Rimangono fedeli all'originale Syldavia di Hergé e riconoscono il re Muskar XII come il re originale. Su Facebook, il gruppo "Konszulat Syldave de Westzt-Bordeaurie Métropolitaine" ha iniziato a interagire in gruppi micronazionalisti. Organizza incontri con la Syldavia di Hergé con costumi fedeli a quelli del fumetto. Tutto questo in un'atmosfera di franco cameratismo.


Ora, ci si chiede perché nel mondo delle micronazioni il plagio non sia un grosso problema? Nessuna delle micronazioni coinvolte ha dichiarato una disputa per rivendicare la proprietà del nome solo per la propria micronazione. Come avrebbero potuto quando nessuno di loro l'ha creato? Lo stesso MicroWiki trascura la questione stabilendo semplicemente la distinzione tra Syldavia e Sildavia. Una domanda di ortografia a seconda della lingua che parli.


Nel mondo micronazionale, non esiste una corte di giustizia internazionale per risolvere un simile problema. Sarebbe considerata interferenza qualsiasi tentativo da parte di altri di prendere posizione. In una situazione del genere, è molto probabile che i micronazionalisti lasceranno che le due micronazioni risolvano il loro punto di contesa tra loro. un caso simile si è già verificato in passato con il "Regno di Hannover".


Sua Maestà il Re Muskar XII di Syldavia

Quando nomi, bandiere e altri aspetti culturali non sono realmente il prodotto della creatività di un micronazionalista, e quindi, della sua proprietà intellettuale, come può la sua micronazione rivendicare il diritto all'esclusività e denunciare il plagio allora che la sua micronazione è essa stessa un plagio culturale?


I micronazionalisti costruendo così le loro micronazioni su simboli culturali forti e già esistenti si riducono quindi al vincolo della tolleranza nei confronti di chi si palesa con la stessa idea. Dopotutto, ognuno ha il diritto di essere un grande fan di qualcosa e dargli vita.










44 vues0 commentaire

Posts récents

Voir tout
bottom of page