top of page

Incoronazione dell'arciduca Arturo I e ascesa delle incoronazioni micronazionali in Europa

Un’ondata di incoronazioni micro-nazionali in Europa negli ultimi anni ha sollevato interrogativi sul loro significato e impatto. La più recente di queste, l'incoronazione dell'arciduca Arturo I della monarchia parlamentare duckionaria, segue una tendenza che include anche le incoronazioni dell'imperatore-re Giona I dell'Impero Lauwiner nel 2022 e del principe Vincent 1er di Hélianthis nel 2023.

Sua Altezza Reale l'Arciduca Arturo I accompagnato dal Cappellano Apostolico Onorario e da alcuni suoi ospiti

Giovedì 24 agosto ha dato l'avvio ai festeggiamenti con un memorabile “soft opening”. L'arciduca Artù I, accompagnato dai suoi ospiti, prese parte ad una speciale cerimonia di sepoltura di una capsula del tempo nel suo giardino. Questa capsula è destinata ad essere portata alla luce tra due decenni. Per garantirne il significato storico, la capsula è stata benedetta da un sacerdote che ha utilizzato l'acqua santa durante la cerimonia.


Il giorno successivo, venerdì 25 agosto, l'Arciduca ha inaugurato una mostra dedicata alla sua micronazione, offrendo agli ospiti uno sguardo su Duckionary. Questo momento è stato seguito da un discorso solenne pronunciato da Arthur 1er, che ha sottolineato i risultati ottenuti dalla micronazione negli ultimi cinque anni ed ha espresso la sua visione per il futuro.


La cerimonia di incoronazione stessa era il culmine di questi festeggiamenti. Il castello di Haguenau (Austria) ha fornito la cornice perfetta per l'evento. Tra gli ospiti c'erano i cittadini più stretti dell'Arciduca, membri del suo governo nonché il presidente Zar Antonov della repubblica unita dell'Obscurium, amico della micronazione e alleato di Duckionary.


SAR l'arciduca Arturo I

L'elemento musicale ha giocato un ruolo fondamentale nel valorizzare la grandiosità della cerimonia. Una fanfara appositamente composta dal musicista canadese Jordan Grigg ha accompagnato l'incoronazione.


La cerimonia raggiunse il suo culmine quando l'arciduca Artù I fu investito dei simboli della sua regalità. Il globo, lo scettro e infine la corona furono consegnati all'arciduca da un cappellano pontificio onorario, accentuando il carattere sacro e storico di questo momento.


Questa incoronazione fa parte di una serie di incoronazioni micronazionali avvenute in Europa negli ultimi anni. Nel 2022, l'Impero Lauwiner incoronò imperatore-re Jonas I, seguito nel 2023 dall'incoronazione del principe Vincenzo I di Helianthis. Questi eventi, sebbene di dimensioni modeste, hanno suscitato un certo interesse e sollevato interrogativi sull’attuale significato delle incoronazioni micronazionali.


Il fatto che diverse micronazioni abbiano scelto di celebrare le incoronazioni solleva alcune riflessioni interessanti. È diventato un modo per prendersi un momento di gloria? Queste incoronazioni sono diventate opportunità per mostrare il suo potere e i suoi mezzi? Oppure questi eventi hanno principalmente lo scopo di riunire i cittadini attorno ad una festa e di rafforzare il sentimento di appartenenza ad una comunità?


Queste domande non hanno risposte semplici. Le incoronazioni micronazionali possono essere viste come simboli dell'identità e della cultura di una micronazione. Possono anche contribuire a rafforzare i legami tra i cittadini e a creare un senso di appartenenza. Ciò è particolarmente sentito con l'ultima incoronazione dell'arciduca Artù I di Duckionary. Quest'ultimo non ha cercato di ricevere copertura mediatica sul suo evento.


Tuttavia, nel contesto attuale, è innegabile che le incoronazioni suscitano anche una certa attenzione mediatica e attirano un pubblico curioso. Lo si è visto per l'Imperatore-Re Jonas I e poi per il Principe Vincenzo I che hanno realizzato un vero e proprio "jack pot" mediatico attorno alle rispettive incoronazioni.

Incoronazione del re Carlo III nel Regno Unito

Ciò potrebbe spiegare perché alcune micronazioni scommettono ora sull’incoronazione mentre, a parte il Regno Unito che mantiene questa tradizione, altre monarchie europee hanno adottato approcci diversi.


I Paesi Bassi, Monaco, Spagna e Belgio hanno optato per cerimonie di insediamento, che sono meno costose e politicamente più accettabili per i loro popoli, soprattutto in tempi di crisi. In alcuni di questi paesi, ciò verrebbe percepito come un atto megalomane, troppo costoso per la società e potrebbe addirittura innescare una rivoluzione, come in Spagna, che sta attraversando una grave crisi istituzionale.


Questa evoluzione non si limita alla celebrazione di un individuo e della sua autorità. Le cerimonie di intronizzazione, adottate da alcune monarchie europee, sottolineano il loro adattamento ai valori contemporanei, pur preservando tradizioni secolari. Prendiamo ad esempio quello dei Paesi Bassi, dove la cerimonia di intronizzazione prevede un voto preliminare di approvazione da parte di ciascuna provincia olandese anziché la collocazione di una corona sulla testa.

Intronizzazione del re Guglielmo Alessandro dei Paesi Bassi

Questo aspetto non è necessariamente percepito allo stesso modo per le incoronazioni micronazionali poiché contribuiscono al riconoscimento esterno, ma si tratta di un bisogno che gli Stati non hanno in modo così esistenziale.


L’attuale fenomeno delle incoronazioni micronazionali solleva quindi interrogativi interessanti sul ruolo dei rituali di incoronazione nella società moderna. Le loro motivazioni possono variare, dal celebrare e costruire comunità alla ricerca di riconoscimento e attenzione da parte dei media. Tuttavia, il parallelo con le incoronazioni e le intronizzazioni osservato nelle monarchie europee ci ricorda che, qualunque sia la scala, queste cerimonie continuano a svolgere un ruolo importante nella costruzione dell’identità, della cultura e della legittimità delle entità sovrane.












Comentarios


bottom of page