Il micronazionalismo in Antartide

Intervista esclusiva con SE il Sig. Yaroslav Mar, Amministratore Generale dell'UMA



L'Unione Micronationale di Antartide è un'organizzazione intermicronazionale con la missione di regolamentare le rivendicazioni micronazionali e proteggere le rivendicazioni dei suoi membri contro altri ricorrenti in Antartide.


L'UMA è nata il 6 dicembre 2008, il che la rende la più antica organizzazione intermicronazionale attiva. Attualmente conta 9 membri ed è riconosciuta come l'organizzazione di riferimento per qualsiasi micronazione che desideri avere accesso a una rivendicazione territoriale sull'Antartide.


Ma perché alcuni micronazionalisti rivendicano il territorio in Antartide? Idealmente, questo sarebbe ovviamente quello di fondare uno stato indipendente o essere riconosciuto come tale. Per i Granducati di Westarctica e Flandrensis, la pretesa riguarda un territorio attualmente non amministrato da nessuno Stato. Si tratta di una "Terra Nullius" che porta il nome di "Terre Marie Byrd". Uno spazio evitato da tutti che copre appena 1.610.000 km2.


I due Granduchi hanno fatto appello rispettivamente alle Nazioni Unite e alla comunità internazionale per il riconoscimento. Finora, solo il Granduca Travis di Westarctica ha ricevuto risposte cortesi dal Granduca di Lussemburgo e dal Principe di Monaco.

Sua Altezza Reale il Granduca Travis di Westarctica, pioniere del micronazionalismo antartico

Per le altre affermazioni micronazionaliste si pone un caso diverso, perché questi approcci riguardano territori già amministrati dagli stati sotto forma di concessioni.


Il Trattato sull'Antartide firmato il 1° dicembre 1959 a Washington mette temporaneamente a tacere le rivendicazioni territoriali degli Stati firmatari sull'Antartide. Detto questo, il trattato non può costringere uno stato a rinunciare ai propri diritti o pretese di sovranità sul continente. Tuttavia, il trattato ha "congelato" le rivendicazioni territoriali per diversi decenni.


Per capire meglio come si posizionano queste micronazioni antartiche, abbiamo intervistato l'amministratore generale dell'UMA, Yaroslav Mar, presidente a vita di Lostisland.

SE Sig. Yaroslav Mar, Amministratore Generale dell'AMU e Presidente a vita della Repubblica Federale di Lostisland.

Su quali basi le micronazioni UMA formulano le loro rivendicazioni territoriali?



YM : Probabilmente è meglio chiedere al leader di una specifica micronazione perché ha deciso di rivendicare questa o quella parte dell'Antartide, anche se a volte è ovvio: ad esempio, Westarctica rivendica l'Antartide occidentale dal 2001, perché all'epoca non era stata avanzata alcuna rivendicazione formale nel settore compreso tra 90 gradi ovest e 150 gradi ovest.





Nel caso di Lostisland, abbiamo ereditato l'isola di Alessandro dallo storico regno di Pavlov che esisteva dal 2012 al 2014 e non deve essere confuso con l'attuale impero di Pavlov, anch'esso membro dell'UMA. Quando nel 2014 la Repubblica di Lostisland e il Regno di Pavlov si sono fusi per formare la Repubblica Federale di Lostisland, ha rilevato la rivendicazione antartica di Pavlov e sede nell'UMA.


In linea di principio, una micronazione che desideri aderire all'UMA può rivendicare qualsiasi parte dell'Antartide non rivendicata da uno dei nostri membri. In pratica, se la richiesta è esorbitante, la richiesta sarà probabilmente respinta.


Il ministro dei trasporti Lostislandese, Martin Legof, alza la bandiera di Lostisland davanti a Hunter's Island.

Vorrei anche affrontare un altro problema qui poiché sembra esserci un malinteso sul processo di richiesta dell'UMA. Alcune persone pensano che il compito dell'UMA sia quello di stabilire chi ha fatto l'affermazione per primo, quindi li sorprende se riconosciamo un'affermazione anche se un'altra micronazione aveva già rivendicato quella parte dell'Antartide. WBU non opera in base all'ordine di arrivo, primo servito e quale micronazione applicata in precedenza è irrilevante per noi a meno che non siano già membri. Ciò che conta è che il paese candidato si impegni a rispettare la Carta dell'AMU ea rispettare le richieste degli altri membri.

" Una valida alternativa per coloro che non vogliono rivendicare il proprio cortile come territorio sovrano."

Qual è il loro interesse nello sviluppare micronazioni su queste terre inospitali e lontane?



YM : Non credo che si possa parlare di sviluppo di micronazioni su queste terre perché nessun membro dell'UMA è fisicamente presente in Antartide e la colonizzazione non scientifica o non orientata alla conservazione dell'Antartide è contraria alla missione e alla Carta della WBU. Pertanto, una micronazione che sostiene l'effettiva colonizzazione dell'Antartide non sarebbe ammessa a diventarne membro.


Il motivo originale della nascita del micronazionalismo antartico è molto banale: l'Antartide è uno dei pochi posti sulla Terra che ha terra nullius, o terra di nessuno, ed è quindi diventata una valida alternativa per coloro che vogliono rivendicare il proprio giardino come sovrano territorio. Direi che la maggior parte di noi è stata ispirata da Westarctica.


Che ruolo possono svolgere le micronazioni dei membri dell'UMA con le organizzazioni umanitarie? Sono state realizzate azioni o collaborazioni?


YM : Alla fine, con il progredire del micronazionalismo antartico, ha acquisito una dimensione ecologica. Westarctica, così come Flandrensis, che non fa parte della UMA ma intrattiene relazioni amichevoli con molti membri della UMA, sono entrambe incorporate come organizzazioni umanitarie rispettivamente negli Stati Uniti e in Belgio e sensibilizzano al cambiamento climatico e ai suoi effetti potenzialmente devastanti sul continente antartico . Lostisland non è attualmente registrata come organizzazione umanitaria (anche se lo consideriamo), ma dal 2015 abbiamo un Trattato di Mutuo Riconoscimento con la Commissione Mondiale per l'Umanità: un'organizzazione umanitaria internazionale con sede principalmente in Africa.


I cittadini del Granducato di Flandrensis sono tra i più investiti in azioni ambientali e opere di beneficenza.

Dalla sua creazione, qual è stato il più grande successo di UMA?


YM : Il nostro più grande successo è quello di diventare l'autorità indiscussa sul micronazionalismo antartico: sebbene l'UMA abbia avuto molte imitazioni e cloni - per lo più fondati da coloro a cui è stata negata l'appartenenza all'UMA - nessuno è sopravvissuto alla prova del tempo. Con una storia che risale al 2008, AMU è oggi la più antica organizzazione micronazionale ancora attiva, l'unica organizzazione micronazionale con articoli dedicati su Wikipedia in inglese e russo, citati in riviste, pubblicazioni accademiche e libri di testo di scienze politiche. Direi che con la MicroFrancophonie siamo l'organizzazione micronazionale più conosciuta.


Ci sono molte richieste di ingresso? Qual è la motivazione principale di queste micronazioni candidate?


YM : Non posso divulgare il numero esatto di domande di adesione, ma c'è sicuramente un enorme interesse per l'adesione alla AMU, anche se i criteri di adesione sono severi. Nel 2020 abbiamo ammesso due nuovi membri, uno dei quali è stato successivamente sciolto. Nel 2021 il 100% delle domande è stato respinto. Direi che il motivo principale per cui le micronazioni vogliono entrare a far parte della AMU è di far parte di un'organizzazione prestigiosa e rinomata, che comporta anche il riconoscimento immediato delle rivendicazioni antartiche da parte di tutti i membri esistenti. A differenza di molte organizzazioni micronazionali che cercano semplicemente di emulare l'ONU – la cosiddetta YAMO (Yet another Micro Organisation) – la AMU ha uno scopo molto specifico che soddisfa con successo: proteggere le rivendicazioni territoriali dei suoi membri.


In qualità di amministratore generale, cosa trovi più impegnativo e quali sono i tuoi obiettivi per il futuro di AMU?


YM : Fortunatamente per la AMU (e per me come amministratore generale), abbiamo membri maturi. La maggior parte di noi si conosce da anni, se non da decenni, quindi non entriamo nelle piccole lotte che sono così diffuse nelle organizzazioni micronazionali composte principalmente da adolescenti. Di solito non abbiamo nemmeno grandi disaccordi sull'ammissione di nuovi membri: credo che tutti vogliamo il meglio per questa organizzazione e abbiamo una visione simile, quindi quando un membro pensa che un determinato candidato non lo sia non è un buon candidato per la AMU, è probabile che il resto di noi sia d'accordo.


La sfida più grande non viene dall'interno, ma dall'esterno: come sappiamo entrambi, la comunità micronazionale tende ad attirare molti truffatori, e questo è doppiamente vero per il micronazionalismo antartico. Pertanto, quando un particolare truffatore decide di depredare il micronazionalismo antartico, non ho altra scelta che essere coinvolto poiché getta anche un'ombra sulla nostra organizzazione. Ad esempio, nel 2018, un certo truffatore russo ha fondato un imitatore di AMU e ha offerto in vendita "passaporti antartici" che, secondo lui, consentivano viaggi senza visto in tutto il mondo, così come case in Antartide.- cosa, ovviamente, ha fatto non. anche esistere. L'ho denunciato alla polizia russa, un poliziotto lo ha visitato e, sebbene non sia stata avanzata alcuna accusa, ha cancellato questa offerta chiaramente fraudolenta.


Credo che AMU, così com'è, stia già raggiungendo i suoi obiettivi: non puntiamo certo a diventare la più grande organizzazione micronazionale del mondo, poiché diamo valore alla qualità rispetto alla quantità, né vogliamo coinvolgerci in questioni che non riguardano al micronazionalismo antartico. Se alcuni membri decidessero di avviare progetti ecologici nell'ambito dell'AMU, personalmente sarei lieto e la Carta dell'AMU prevede questa opportunità, ma la partecipazione a tali progetti rimarrebbe strettamente facoltativa: la nostra missione principale è pubblicizzare e proteggere le rivendicazioni territoriali dei nostri Stati membri. È in questo settore che la nostra organizzazione ha eccelso in questi 13 anni e sono fiducioso che rimarremo l'autorità sul micronazionalismo antartico per gli anni e i decenni a venire.




4 vues0 commentaire

Posts récents

Voir tout