Navasse, esempio di diversità

Il "Micromondo" è così diverso da quello in cui viviamo? Ci si potrebbe aspettare una fiorente diversità, eppure è ancora molto timida. Tuttavia, le poche micronazioni che ci stanno lavorando lo fanno in modo straordinario, alcune delle quali utilizzano molta creatività. Ecco un buon esempio.



Sua Maestà, Marie-Adelina de la Ferrière, regina di Navasse

Iniziamo citando una delle primissime micronazioni ad essersi fatta conoscere per motivi comunitari: Il Regno Gay e Lesbico delle Isole del Mar dei Coralli. Creata da attivisti LGBTQ+ australiani nel 2004, questa micronazione è emersa come protesta contro il rifiuto del governo australiano di legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso quell'anno. A seguito di questo contesto, il suo scioglimento è stato proclamato nel 2017 quando finalmente è avvenuto.


La morte di una micronazione dando vita ad un'altra, siamo arrivati ​​nel Regno di Navasse (ex Legiàlle) che è stato fondato il 13 settembre 2017 da Marie-Adelina de la Ferrière, la sua Sovrana. Reclamando la piccola isola di Navasse e pochi altri territori disabitati tra Haiti e Giamaica, questo regno è l'ultimo di una lunga storia micronazionale iniziata né più né meno nei Caraibi con la pirateria. Ma questa non è la sua unica originalità perché il fondatore di questa micronazione non è altro che una persona transgender di colore. Una singolarità in un Micro-mondo in cui il genere maschile occidentale rimane ancora oggi la stragrande maggioranza. Pioniere della diversità in un universo che aveva tanto bisogno, volevamo chiedere alla regina Marie-Adelina de Navasse della sua esperienza.


Come definirebbe Navassa como micronazione?


"È difficile definire Navassa perché siamo ancora nella sua infanzia. C'è davvero una visione e un obiettivo alto su come vorrei vedere Navassa evolversi negli anni a venire, anche se spesso la realtà che sto recuperando e ho di riadattarsi costantemente. Va anche notato che abbiamo a che fare con l'aspetto micronazionale da un lato e l'aspetto commerciale dall'altro perché il nostro Regno è registrato come società negli Stati Uniti dove risiedo. Tutto questo viene fatto insieme a i miei amici che costituiscono la Corte Reale. È in questo particolare contesto che spero di portare tutti i cittadini di Navasse ad andare avanti".


La regina Marie-Adelina è una figura locale della comunità LGBTQ+ in cui è coinvolta.

Come regina di Navasse, quale priorità dai al suo ruolo?


"Devi avere un attento equilibrio tra governance che affronta la realtà e protocollo. Quest'ultimo a volte può sembrare un po' intimidatorio, ma io sono decisamente l'opposto di ciò che la gente si aspetta da un Sovrano. Nel mondo delle micronazioni, sento questa unicità di più quando Mi confronto con altri leader, ma trovo che la persona che sono può essere interpretata come il simbolo per eccellenza del mio Paese usando la sua forza, saggezza e coraggio contro ogni previsione".


Quali sono gli obiettivi di Navasse per il 2022?


"Abbiamo aperto l'ufficio della delegazione Navassoise a Rochester, New York. Questa organizzazione ci consentirà di far conoscere le nostre posizioni politiche e di sviluppare moderatamente le nostre operazioni commerciali. Ciò include l'evento Flower City Queens (flowercityqueens .com), che su la nostra iniziativa reale celebrerà uno dei più antichi concorsi di bellezza di drag queen negli Stati Uniti".


Avendo ormai qualche anno di esperienza con il micronazionalismo, qual è la sua analisi e quale messaggio vorrebbe trasmettere ad altre micronazioni nel mondo?


"Non possiamo fare tutto dal primo giorno. Costruire una nazione, qualunque sia la sua dimensione, è un progetto in continua evoluzione, oltre che una domanda costante. L'importante è non dimenticare mai perché l'abbiamo iniziato all'inizio".


Sul suo sito, il Regno di Navasse concentra la sua attività su 6 aree chiave: l'onore della cultura e dell'arte haitiana, la lotta ai cambiamenti climatici e l'accesso a una migliore istruzione per i bambini svantaggiati, la promozione dei diritti LGBTQ+, il miglioramento della condizione delle donne e incoraggiare il dialogo interculturale.


Per questo, la regina Marie-Adelina ei membri della sua corte reale organizzano eventi per raccogliere fondi. Il Regno di Navasse è la terza micronazione attraverso l'Atlantico ad entrare a far parte dell'organizzazione Microfrancophonie perché il francese è una delle 3 lingue ufficiali con l'inglese e il creolo Navasse. Il suo motto è "Forza, conoscenza e valore", tre pilastri inscritti direttamente dalle radici creole e il desiderio di "non abbassare mai gli occhi per la vergogna di essere ciò che siamo" per usare le parole di Sua Maestà Regina.






1 vue0 commentaire

Posts récents

Voir tout