top of page

Le donne nel micronazionalismo

L'8 marzo è stata la Giornata internazionale della donna. L'opportunità di concentrarsi sul posto delle donne nel micronazionalismo. Abbiamo dato la parola a molti di loro per ascoltare il loro punto di vista su questo argomento.

Maresciallo Carolyn Yagjian, Capo dello Stato Ambulatorio di Obsidia

I micronazionalisti basano le loro nazioni sui propri ideali. Ognuno sta cercando di creare la loro società perfetta. In questa creazione abbondante, le donne partecipano più facilmente al micro-mondo? Gli usi e costumi delle nostre società sono davvero messi in discussione o conservano un pronunciato patriarcato?


Le risposte delle donne micronazionaliste che abbiamo intervistato sono in definitiva altrettanto sfumate quanto al di fuori della sfera micronazionale. Alcuni costruiscono società matriarcali mentre altri fanno affidamento sul loro contributo come mogli

condividere un destino comune. In ogni caso, chi decide di agire lo fa secondo le proprie concezioni tanto quanto gli uomini.

Tuttavia, sono ancora pochissimi a guidare una micronazione, qualunque sia il contesto culturale in cui si evolvono. Nei paesi latini (e presumibilmente maschilisti) come la Francia, l'ex presidente Georgette Bertin-Pourchet di Saugeais era l'unico capo di stato donna di una micronazione francese, oggi è un uomo che le succede. In Italia fa eccezione la principessa Mina di Seborga, che ha vinto le elezioni contro la figlia del principe Giorgio I.


Sua Altezza Serenissima la Principessa Mina di Seborga

Da parte anglosassone, la regina Anastasia di Ruritania e la regina Carolyn di Ladonia sono pioniere. Si sono guadagnati un posto nel pantheon dei grandi leader micronazionalisti grazie alla loro determinazione, mentre altre celebrità femminili del micronazionalismo mantengono i loro campi d'azione nei tradizionali schemi di coppia. Si alleano con i loro mariti a capo della loro micronazione. È il caso di Adrianne Baugh, first lady della Repubblica di Molossia o della principessa Edith di Homestead, solo per citarne alcune tra le tante.


Tra i più giovani, alcuni tendono ad allontanarsi dagli schemi tradizionali, fondando società matriarcali in cui gli uomini si trovano lontani dalle funzioni sovrane. Questo è il caso del maresciallo Carolyn Yagjian di Obsidia.



First Lady Adrianne Baugh della Molossia

Adrianne Baugh è senza dubbio la First Lady più conosciuta nel mondo micronazionale. Dal 2009 accompagna il destino del presidente Kevin Baugh della Molossia. Le abbiamo chiesto come avesse contribuito alla Molossia da quando è diventata la sua First Lady. Ecco cosa dice:

" Sono diventata la First Lady della Molossia nel 2009. Da allora ho assistito il Presidente in molti progetti e ho riferito sulle decisioni prese per il nostro Paese. Nel 2013 abbiamo lanciato il nostro giornale, The Mustang. Ogni mese negli ultimi nove anni, Ho scritto un articolo sentito per entrare in contatto con i nostri lettori, registro anche una versione parlata delle notizie del nostro programma radiofonico e assisto il Presidente con interviste e video uno degli aspetti che preferisco dei miei compiti per la Molossia sono le video interviste per le scuole Abbiamo partecipato a molte attività in cui i bambini possono avere un'idea di ciò che rende un paese per stimolare la loro immaginazione e creatività ama anche essere un modello per nostra figlia, il capo della polizia, e per molte altre giovani donne che ci osservano Dimostrare loro che possiamo seguire la nostra passione e prenderci in carico la nostra vita è così importante in questo ns un mondo con una tale pressione sociale. Le micronazioni ei loro cittadini vivono uno stile di vita alternativo che intriga e ispira gli altri. Ci vuole orgoglio e coraggio per guidare la carica in questo modo. Lo accetto ogni giorno, con onore. "


Sua Maestà la Regina Anastasia di Ruritania

Come Adrianne Baugh, molte donne seguono i loro mariti nei loro progetti micronazionali, ma non tutte sono impegnate come la first lady molossoriana. Una gran parte accetta con benevolenza di svolgere un ruolo figurativo di sostegno morale ai propri amati coniugi. Perché la maggior parte di queste donne non vuole prendere più potere? Viene dagli uomini con cui convivono o è dovuto a una natura particolare? Sua Maestà la Regina Anastasia di Ruritania risponde a queste domande:



" Sì, penso che ci sia un motivo. Ma ha più a che fare con il modo in cui le donne vengono educate. Il mondo micronazionale è molto rispettoso delle leader donne. No, il problema secondo me è che anche oggi le ragazze vengono educate a prendere il secondo posto nella vita. Molti fanno questo alle loro figlie senza nemmeno rendersene conto e sì, continua. Ancora troppo pochi genitori vedono davvero lo stesso potenziale nelle ragazze come nei ragazzi. Sono stato fortunato. La mia famiglia ha avuto solo figlie per diverse generazioni e mio padre e i miei zii ci adoravano. Siamo cresciuti senza restrizioni. Sospetto che la regina Carolyn di Ladonia abbia un passato simile. La mia figura storica preferita è sempre stata Eleonora d'Aquitania, ma la maggior parte delle donne che conosco si sarebbero probabilmente chiamate Clara Barton o forse la regina Vittoria. Va bene così, ma hanno comunque seguito i loro mariti nonostante le loro posizioni. Alla fine ho scelto di sposare un uomo che rispettasse il mio spirito e il mio punto di vista. È molto raro. "


Eleonora d'Aquitania di Frederick Sandys, 1858, Museo Nazionale di Cardiff.

Interrogata su queste stesse domande, il maresciallo Carolyn Yagjian, leader di Obsidia e pioniera del micronazionalismo matriarcale, spiega il suo punto di vista e la sua esperienza. Abbiamo quindi colto l'occasione per fargli alcune domande aggiuntive.


M.I: La verità è che pochissime donne sono leader o fondatrici micronazionali rispetto agli uomini. Quale pensi sia il motivo principale?


CY: " Penso che il motivo principale sia che le donne non sono ancora socialmente posizionate per essere realmente interessate alla politica e all'educazione civica. Inoltre, le micronazioni sono una nicchia molto particolare che non attrae un certo tipo di eccentrico. Ad ogni modo, questo universo a prima vista non è sempre considerato "cool" e credo che le donne temono di essere più prigioniere di un'immagine di quanto potrebbero trasmettere, soprattutto le ragazze adolescenti ".


Il maresciallo Carolyn Yagjian, capo dello stato ambulatoriale di Obsidia

M.I: Obsidia è la micronazione di punta del femminismo, come viene percepita nella sfera micronazionale?


CY: "Penso che siamo visti come fare le cose in modo leggermente diverso e spero che facciamo le cose con tanto stile quanto pertinenza. Le persone che ho incontrato nel mondo delle micronazioni sono state tutte molto favorevoli ed entusiaste di Obsidia, che mi incoraggia davvero a continuare il progetto".


M.I: Come può una società matriarcale fare la differenza?


CY: " Il matriarcato nel nostro contesto può aiutare a fungere da contrappunto alle strutture di potere esistenti. Le donne in tutte le posizioni di leadership risolverebbero immediatamente i problemi del mondo. Ma attualmente le donne non sono una maggioranza abbastanza ampia per vedere davvero il potenziale di ciò che potrebbe sembrare "Oltre ad essere matriarcali, siamo anche contro gli Stati in generale e per la dissoluzione dei confini, la rivoluzione ecologica e l'eliminazione delle disuguaglianze di ricchezza. Il matriarcato è un elemento di una visione più ampia ".



Sua Maestà la Regina Juliana di Librazi

In Librazi, una nuova micronazione in Brasile, Sua Maestà la Regina Juliana I segue la linea di pensiero del maresciallo Carolyn Yagjian. Sviluppa anche il suo progetto attorno a un concetto matriarcale. Alla domanda su cosa l'abbia motivata a creare il suo Regno, lei risponde: " La mia più grande motivazione nella creazione del Regno di Librazi è stata l'idea di creare una nazione matriarcale, ecologica, sicura, giusta ed egualitaria. Un luogo libero da pregiudizi dove tutti sono considerati uguali. Le mie ispirazioni sono le antiche civiltà matriarcali e anche le culture balcaniche, in particolare Turchia, Grecia e Albania ".


Se il micronazionalismo è ancora un mondo di uomini, è importante precisare che è anche uno spazio di creazione dove le donne possono facilmente prendere il posto che vogliono senza aspettare l'approvazione del sesso maschile. La cosa più importante è che possano farlo con la convinzione di poter scegliere il loro posto. Non perché gli uomini glielo concedano in modo più o meno sottinteso, ma perché il micronazionalismo dà loro pienamente il diritto di farlo.













23 vues0 commentaire

コメント


bottom of page