top of page

Il Micromondo è così diverso dal Macromondo?




Le religioni hanno prodotto le culture su cui si basa la moralità, i modi di vita e di consumo che ci plasmano. I nostri gusti, i nostri riflessi e ciò che ci sembra normale o anormale ne sono innegabilmente il risultato. Sebbene i micronazionalisti siano molto creativi e inclini a reinventare mondi propri. Questi nuovi mondi generalmente rimangono nella stessa cultura dei loro creatori. Illustreremo questa osservazione con alcuni esempi.

Il logo di CRBS, la catena Saint-Castin (Canada)

Cominciamo dal modo in cui le micronazioni producono, ad esempio, i loro programmi video, più in particolare i notiziari televisivi o le loro trasmissioni radiofoniche. Noterai che le carte grafiche e i crediti scelti dalle micronazioni nordamericane sono molto vicini a quelli utilizzati da CNN, CBS, Fox o ABC. Da parte europea si osservano le stesse somiglianze.





Ora diamo un'occhiata alla moralità. Durante un incontro intermicronazionale, un micronazionalista asiatico ha avuto grandi difficoltà a confrontarsi con un micronazionalista transgender al tavolo, il che ha provocato un alterco piuttosto imbarazzante per gli ospiti presenti. Questo stesso micronazionalista avrebbe avuto la stessa opinione se fosse cresciuto in Occidente, dove gli Stati producono campagne di informazione sulla questione transgender? Gli ospiti europei sarebbero altrettanto tolleranti se fossero cresciuti in Asia, in paesi in cui la moralità religiosa detta le leggi sociali? Ovviamente no. Non sorprende quindi che nel Micromondo la considerazione delle persone LGBTQ+ sia esattamente la stessa che vediamo in diverse regioni del mondo. La visione e il posto delle donne seguono questa stessa logica nel Micromondo.


L'ex re Giacomo I di Scone con il granduca Travis di Westarctica.

Passiamo agli usi e costumi. Forse è qui che la creatività di alcune micronazioni svolge maggiormente il suo lavoro, mentre altre preferiscono rispettare le tradizioni ancestrali. Prendiamo l'esempio dell'Istituto Fomoire, la cui esistenza trova significato solo nella riabilitazione di una leggendaria nazione celtica. Per questo questi micronazionalisti hanno dato vita a riti e ad un linguaggio frutto della loro immaginazione. Potremmo anche parlare di Juclandia, un simpatico regno di animali imbalsamati o del principato di Anthophilia dove il principe Jonathan I regna su diversi alveari. Queste micronazioni sono agli antipodi del Regno di Scone che, sotto la guida del suo ex re Giacomo I, si ispirava direttamente alla monarchia britannica o all'Impero di Pavlov che ricorda in ogni modo la Russia imperiale.


Possiamo quindi concludere che, sebbene le micronazioni siano capaci di originalità in alcuni ambiti, rimangono tuttavia fortemente influenzate dalla cultura dei loro fondatori. Una micronazione nordamericana sarà innegabilmente costruita e pensata in modo americano, dal design del suo sito web al suo modo di comunicare con gli altri, proprio come una micronazione europea lo farà a modo suo. Le preoccupazioni di una micronazione in Africa e le sue risposte ad esse varieranno e procrastineranno allo stesso modo di altre micronazioni in tutto il mondo, così come fanno gli stati africani riconosciuti dalle Nazioni Unite. Una micronazione egiziana avrà sempre maggiori probabilità di essere musulmana rispetto ad un’altra, proprio come una micronazione irlandese sarà cristiana o laica piuttosto che indù o ebrea.


Il ballo principesco del Godet d'or organizzato dal principato di Aigues-Mortes, un'istituzione micronazionale direttamente ispirata al ballo della rosa di Monaco.

I micronazionalisti creano i loro paesi con società molto più simili di quanto piace pensare ai loro fondatori. Questa è la prova che i micronazionalisti non sono meno umani e influenzabili di qualsiasi altra persona su questa buona vecchia Terra. Non può mai esserci un solo pensiero, tuttavia, nel tempo, i micronazionalisti hanno imparato più rapidamente a conoscersi e ad apprezzarsi meglio. Pur diversi, hanno imparato ad incontrarsi e dove nel Mondo esistono le guerre, nel Micromondo ci sono discussioni e scambi. Certo, a volte possono essere vivaci, ma resta fondamentale il desiderio di comprendere sempre l’altro. Questo è il motivo per cui il Micromondo porta un risultato molto migliore in termini di scambi e tolleranza. Ecco perché è diverso, se non migliore.




29 vues0 commentaire

댓글


bottom of page